Il Guerin Meschino

La Leggenda del Guerin Meschino a Castelluccio

Nella cultura pastorale di questo territorio, leggere le vicende cavalleresche del Guerin Meschino, narrate da Andrea da Barberino, era assai diffuso. La leggenda del Guerin Meschino, e della savia Sibilla sono strettamente collegate.

Il Guerino alla ricerca dei genitori, vuole a tutti i costi recarsi nella grotta , sicuro del fatto che la SIbilla possa dare una risposta al suo quesito.

Lungo il cammino incontra molti gentiluomini che cercano invano di dissuaderlo, uno dei quali addirittura gli racconta, che, giorni indietro, tre ragazzi si recarono dalla maga, ma solo due fecero ritorno. Ma il cavaliere non desistette e proseguì.

Arrivato alla grotta, lo accolgono tre bellissime fanciulle che lo portano al cospetto della savia Sibilla. Ella ascolta la ragione della visita, poi inizia la sua opera di corruzione, per indurlo al peccato e perderne l’anima; il cavaliere resiste a tutte le tentazioni, e trascorso un anno decide a tutti i costi, di farsi svelare le sue origini, ma la Sibilla gli risponde beffardamente e sparisce.

Con non poca difficoltà, il Meschino ritroverà l’uscita della grotta per ritornare al mondo reale.

Disponibile anche in: Inglese