CHI

La Flora nel bacino di Castelluccio

La vegetazione che troviamo in questa zona rappresentata in prevalenza da boschi di faggio, con sporadiche presenze di altre specie. Le foreste che un tempo ricoprivano tutto l'altopiano sono state distrutte da millenni di pastorizia, e da un uso civile del legname. Gli studiosi botanici contano circa 1800 specie vegetali, delle quali almeno un centinaio sono piante rare, quindi da proteggere. Nel piano montano, che va dai 1000 ai 1750, oltre al faggio (Fagus Sylvatica) vi sono aceri, sorbi, agrifoglio. I fiori tipici dei faggeti sono i bucaneve, gli anemoni, le peonie chiamate dai castellucciani, rose selvatiche, la rosa canina ricca di vitamina c, che cresce un p dappertutto. Nei piani, in primavera, tra fine maggio e fine giugno crescono; genziana, ranuncoli, asfodeli, papaveri, violette, narcisi.

     
Faggete a Castelluccio
Macchia Cavagliera
Val di Canatra
Monte Vettore
     
 
     
Visita anche le pagine:
   
     
La Fioritura
Fioritura
Il Lago di Pilato
Lago Pilato