Fauna Parco Monti Sibillini

La fauna nel Parco Nazionale dei Monti Sibillini a Castelluccio di Norcia
Alcune specie di animali che un tempo popolavano questo territorio oggi non esistono più. Stiamo parlando dell’orso, e del camoscio. La sfrenata caccia e persecuzione che l’uomo ha dato ad essi, ha ridotto a qualche esemplare anche il lupo e l’aquila reale, considerati da sempre, soprattutto dai pastori, una minaccia per i loro allevamenti. Negli anni ’30, addirittura, chi uccideva un lupo, aveva una ricompensa di 125 lire. Oggi sono presenti 3 o 4 coppie su tutto l’appennino umbro marchigiano, e qualche esemplare di aquila reale sul versante est del vettore. Fortunatamente dopo l’istituzione del Parco Nazionale, c’è un’ attenzione ed una sensibilità maggiore per la salvaguardia di queste specie, e non è escluso che con un pò di fortuna è possibile ammirare l’aquila che si erge maestosa sui cieli di Castelluccio.
Altri animali come; la lepre, il gatto selvatico, la volpe, il tasso, la donnola sono diffusi in tutto il parco; anche se, difficilmente osservabili da parte del turista, soprattutto nelle ore diurne. Fra gli uccelli, quelli più comuni sono il fringuello, la cornacchia grigia, il cardellino, l’allodola, e non è raro vedere rapaci come la poiana, il falco pellegrino. Fra i rettili oltre alla vipera comune chiamata localmente “asprusurdu”, la vipera degli Orsini è quella più diffusa.

Lago di Pilato

Il Lago di Pilato il cuore del Parco Nazionale dei Monti Sibillini
Guarda

Disponibile anche in: Inglese