Fai una donazioni per Castelluccio e Norcia

Aiutaci a portare avanti il nostro lavoro nel territorio La tua donazione aiutarà le aziende locali che non possono al momento provvedere ai costi di presenza sul web.

Aiutaci a mantenere viva la speranza, arriverà il giorno che tornerà tutto normale, e noi vogliamo esserci.

Donazione Castelluccio Norcia

Fai la tua donazione con bonifico, carta di credito o PayPal.

Con Bonifico Bancario:
Banca di Credito Cooperativo Spello e Bettona
CODICE IBAN: IT73 K088 7138 5800 1300 0110 181 – BIC: ICRAITRRO70
Intestato a: Cooperativa Sociale Asset – Causale: Sisma2016


Asset Cooperativa Sociale è una Onlus, le donazioni sono dunque deducibili o detraibili secondo le normative vigenti (D.Lgs. 460/97).
Le offerte e le donazioni erogate da privati (persone fisiche) sono detraibili dall’irpef al 26% fino a un limite di 30.000 euro.
Le donazioni erogate da imprese sono deducibili per un importo non superiore a 30.000 euro, o se eccedente, al 2% del reddito di impresa (in pratica si considera il maggiore dei due importi).
La detrazione Irpef è concessa a condizione che il versamento dell’erogazione venga eseguito con modalità trasparenti e tracciabili.
È necessario conservare la ricevuta del versamento (se si utilizza il conto corrente postale) o l’estratto conto (se si dona con carta di credito o bonifico).
Per non lasciare anonimo il contributo, ti invitiamo ad indicare il tuo nominativo e un recapito.


Fai un versamento on line tramite carta di credito attraverso il sistema Paypal che offre una protezione con criptazione dei dati a 128bit per garantire una sicurezza efficace nelle transazioni on-line.













Come è iniziata la nostra avventura.

Primavera del 2002, eravamo una sgangherata cooperativa di 4 ragazzi, una guida escursionistica, un perito informatico e due periti agrari, presentammo un progetto per la gestione della casa del Parco di Castelluccio di Norcia.

Vinciamo il bando, i punteggi del progetto e dei curricula sono così alti che non c’è altra via per l’Ente Parco dei Monti Sibillini.

Il progetto prevedeva tra le altre cose anche la nascita del portale castellucciodinorcia.it, in meno di 15gg la prima versione è online, tentammo di far capire ad un’ente pubblico quanto stava diventando importante la rete e quali potenzialità si sarebbero sviluppate.

Ristrutturammo a spese NOSTRE la sede della Casa del Parco, dotammo per la prima volta la sede di un’utenza elettrica e una connessione telefonica, (sembra un secolo fa, navigavamo a 56Kb), per la prima volta nella sua storia Castelluccio era dotato di un info-point collegato con il resto del mondo, può sembrare una sciocchezza, ma non potete capire quanto erano contenti i turisti, sopratutto gli “stranieri”, che non dovevano fare 60min (andata e ritorno) d’auto per prenotare un semplice biglietto del treno.

Sicuramente “esagerammo”, date le spese fu impossibile racimolare i soldi per gli stipendi, ma ci abbiamo creduto dal primo giorno, e abbiamo fatto bene.

Nel 2003 vincemmo di nuovo il bando, e inizio un’altra stagione fantastica, corsi di caciaro, asini in piazza, trekking incredibili, l’analisi del ciclo di semina della lenticchia, quell’anno inizio il “monitoraggio” fotografico della fioritura vero e proprio.

Nel 2004 l’Ente Parco decide di accorpare in un unico bando la gestione delle Case del Parco di Castelluccio e di Norcia (?), non ci presentammo, torno il vecchio gestore e i vecchi metodi, ma la nostra avventura era iniziata e non si poteva fermare, i coriacei Castellucciani avevano iniziato a conoscerci, certo un rapporto odio e amore, comunque ci piace pensare che per molti le nostre “folli” idee sono state molto più che utili.

Iniziarono a nascere i primi agriturismi, e di alta qualità, i servizi per i turisti si moltiplicarono, portammo per primi lo Zorbing in Italia a Castelluccio e Norcia, grazie a noi e Sabino, Castelluccio conobbe l’ebbrezza del pre Chasta Day Kite, e proprio in quel periodo capimmo cosa mancava nel territorio, una struttura di servizio per le attività turistiche.

Ci rimodelliamo e nasce la Coop Asset, in 15 anni siamo arrivati a generare la maggior parte del flusso di rete inerente Castelluccio, Norcia e la Valnerina, con milioni di pagine visitate ogni anno, quasi la totalità degli operatori turistici si affidano ai nostri servizi.

Non abbiamo mai avuto clienti, ma amici, siamo sempre disponibili, forse anche troppo, abbiamo sempre “allargato” le decisioni importanti della cooperativa, anche a costo di rimetterci possibilità di guadagni considerevoli.

Dopo gli eventi sismici dello scorso anno, sono iniziati i problemi, abbiamo “stretto la cinghia”, non siamo scesi a compromessi con i grandi circuiti pubblicitari, sempre credendo che un territorio deve “auto-alimentarsi” per la propria indipendenza, ma ora siamo ad un bivio.

Norcia, Castelluccio, Cascia, Preci, e parte della Valnerina sono allo stremo delle forze, i pochi segnali di normalità, sono surclassati dagli enormi disaggi; eccetto alcuni personaggi, nessuno sa realmente quali passi intraprendere per il futuro.

Si può chiaramente dire che il turismo è inesistente, il territorio aveva messo in moto una “macchina” che prevedeva ben altri numeri di presenze, noi non possiamo, e non ce la sentiamo, ora di chiedere nulla agli operatori.

Dopo 10 mesi di stipendi, tasse, costi vivi sempre pagati senza incassare NULLA, senza case con l’ufficio completamente inagibile, esuli a Roma (Grazie Parsec Agri Cultura), vedendo che la situazione di STALLO durerà minimo un altro anno, e pensando a chissà quanti ne serviranno per avvicinarci ad una pseudo normalità, abbiamo dovuto prendere una decisione.

 

Abbiamo messo in vendita tutti i nostri portali, non riusciremo mai ad esprimere come ci sentiamo, non siamo nati in questo paradiso terrestre, abbiamo scelto di viverci o di lavorare per esso.

Immaginate la sorpresa mista a delusione, quando arriva la prima offerta (quasi immediata), non volevamo crederci, sopratutto non credevamo (ingenuamente) che l’offerta arrivasse da una “realtà” così lontana dalla nostra logica di vita.

NON ACCETTEREMO MAI, ma dobbiamo pensare anche a come mandare avanti il tutto. A questo punto il “lampo di genio”. Chiediamo aiuto agli utenti della rete, si è vero LA NUOVA RACCOLTA FONDI, anzi una raccolta per il proprio uso. Si stiamo chiedendo una donazione per la nostra cooperativa, per fare in modo che la cooperativa possa continuare, almeno attraverso la rete, a lavorare per il nostro amato territorio.

Quanto vale l’emozione nel guardare una nostra foto? Di ricevere sempre e comunque un consiglio? Scegliere una struttura garantita? Acquistare un prodotto selezionato?

Una tua donazione può aiutarci a mantenere vivo castellucciodinorcia.it, e tutto quello che un po’ pomposamente abbiamo sempre chiamato IL CIRCUITO, i siti web della Nostra Terra.

 

La rete è Madre Crudele aiutaci a non far sparire anni di impegno, noi e molte altre aziende non abbiamo la disponibilità per mantenere la presenza nel web




Strutture ricettive, norcinerie, cooperative, associazioni sono consci del fatto che per i prossimi anni non potranno più lavorare, o eserciteranno al minimo della sopravvivenza, molti già ci chiedono di oscurare i siti web, aiutaci a non buttare via 15 anni di lavoro.

Disponibile anche in: Inglese